Cal­en­dario

Last month Set­tem­bre 2019 Next month
L M M G V S D
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30

Prossimi Eventi

No events

Federazioni e Enti

banner

Newslet­ter

Iscriv­iti per rice­vere via mail notizie dalla nos­tra Scuola!

Karate Edu­cazione

LA STRUT­TURA DEL KARATE-​EDUCAZIONE

Libri cintura

kata – kumité

Prin­ci­pio pratico-​basico del Karate-​Educazione è di val­oriz­zare pariteti­ca­mente entrambi i rami del Karate, cioè il kata (forma) e il kumité (com­bat­ti­mento) sec­ondo le loro speci­ficità educa­tive.
Nel kata (forma) andremo a esercitare valenze e par­al­le­la­mente val­ori a esse abbinati, acco­stando ad es. la dis­ci­plina ai risul­tati, la pre­ci­sione moto­ria all’intelligenza, l’intenzione alla con­cen­trazione, il sac­ri­fi­cio al suc­cesso, l’efficacia nei colpi alla sicurezza, l’armonia nei movi­menti alla bellezza, la forza del colpo a quella della per­son­al­ità, la pos­tura alla ret­ti­tu­dine, la bravura all’autostima, la direzione degli occhi alla per­son­al­ità, il sogno all’idea grandezza, …

Nel kumité (com­bat­ti­mento) andremo a sper­i­mentare altri val­ori quali la capac­ità deci­sion­ale, il cor­ag­gio e la pru­denza, l’attenzione verso gli altri, l’intuizione, il rispetto, la capac­ità di adat­ta­mento, la con­cen­trazione, l’equilibrio men­tale, la calma inte­ri­ore, l’umiltà, l’autocritica, …

Dia­triba

Un pic­colo accenno sulla dia­triba fra karate tradizionale e karate sportivo, anche se ai fini del Karate-​Educazione la dif­ferenza non è ril­e­vante. Il primo più sta­tico e spir­i­tuale, il sec­ondo più mobile e atletico. Se noi guardiamo la natura, vedi­amo che anche fra gli ani­mali ci sono dif­fer­enti modi di com­bat­tere, ad es. la scim­mia com­batte con grande mobil­ità e agilità atlet­ica, quindi si potrebbe parag­onare al karate sportivo, men­tre la tigre è più sta­t­ica e potente e quindi si potrebbe parag­onare al karate tradizionale. Una cosa non esclude l’altra, spe­cial­mente nell’uomo, in grado con la sua intel­li­genza e capac­ità di adat­ta­mento, di imparare entrambi gli stili.

Qual­ità ideali

All’interno di questo quadro gen­erale, un obi­et­tivo del Karate-​Educazione è anche di preparare atleti di alto pro­filo che sap­pi­ano rap­p­re­sentare nelle gare l’aspetto educa­tivo del karate attra­verso la maes­tria dei loro gesti. Cimen­ta­rsi in gara prepara ad affrontare le prove della vita; fa vivere una grande emozione e pro­pone qual­ità ide­ali; rap­p­re­senta un allena­mento a cir­costanze più com­p­lesse e deci­sive.
Dare tutto se stesso a un avven­i­mento di gara è una fase educativa appro­pri­ata alla con­dizione gio­vanile, poiché forse la vita ci chiederà di dare anche di più.

M° Carlo Pedrazzini