Cal­en­dario

Last month Giugno 2019 Next month
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30

Prossimi Eventi

No events

Federazioni e Enti

banner

Newslet­ter

Iscriv­iti per rice­vere via mail notizie dalla nos­tra Scuola!

Etichetta del Dojo

Dojo è un ter­mine giap­ponese che sig­nifica eti­mo­logi­ca­mente “luogo dove si insegna la via”.

Do = via/​sentiero, per­corso di miglio­ra­mento per­son­ale — Jo = luogo

dojo

Il Dojo è lo spazio in cui si svolge l’allenamento ma è anche sim­bolo della pro­fon­dità del rap­porto che il prat­i­cante instaura con l’arte marziale, tale ultimo aspetto è pro­prio della cul­tura bud­dhista cinese e giap­ponese, che indi­vidua il Dojo quale luogo..

dell’isolamento e della meditazione.

.

I Dojo erano spesso pic­coli locali sit­uati nelle vic­i­nanza di un tem­pio o di un castello, ai mar­gini delle foreste, per­ché i seg­reti delle tec­niche venis­sero più facil­mente preser­vati. Con la dif­fu­sione delle arti marziali sorsero numerosi Dojo che veni­vano in molti casi con­siderati da maestri e prat­i­canti una sec­onda casa.

.

Il Dojo è la scuola del Sen­sei (mae­stro): egli ne rap­p­re­senta il ver­tice e sue sono le diret­tive e le norme di buon anda­mento della stessa. Oltre al mae­stro ci sono suoi allievi tra cui i Sen­pai (allievi anziani di grado) che svol­gono un

impor­tante ruolo: il loro com­por­ta­mento quo­tid­i­ano rap­p­re­senta l’esempio che deve guidare gli altri praticanti.

.

Il Dojo non è sem­plice spazio ma anche immag­ine di un atteggia­mento, i Dojo della Via si dif­feren­ziano in questo aspetto dai nor­mali spazi sportivi: l’esercizio fisico può anche essere il medes­imo ma è la ricerca del giusto atteggia­mento che con­sente di pro­gredire. L’allievo entra nel Dojo e deve las­ciare alle spalle tutti i prob­lemi della quo­tid­i­an­ità, purifi­carsi la mente e con­cen­trarsi sull’allenamento per super­are i pro­pri lim­iti e le pro­prie insi­curezze, in un costante con­fronto con se stesso.

.

Il Dojo è come una pic­cola soci­età, con regole ben pre­cise che devono essere rispettate.

Quando gli allievi indos­sano il kimono diven­tano tutti uguali, la loro con­dizione sociale o pro­fes­sion­ale viene las­ci­ata negli spoglia­toi, per il mae­stro essi sono tutti sullo stesso piano.

.

Insieme alle tec­niche si apprende una serie di norme, che vanno dalla cura della per­sona e del kimono, al fatto di non urlare, non sporcare, non indos­sare orec­chini od altri abbel­li­menti, al fatto di com­por­tarsi edu­cata­mente sino all’acquisizione dell’etica dell’arte marziale che dis­cende da quella samu­rai: il Bushido “Via del guerriero”.

.

Il cor­ag­gio, la gen­tilezza, il rec­i­proco aiuto, il rispetto di se stessi e degli altri sono det­tami che entrano a far parte del bagaglio cul­tur­ale dell’allievo.

Nel Dojo non si usa la vio­lenza: non per nulla le arti marziali enfa­tiz­zano la forza men­tale e non quella fisica, con­dan­nata prima o poi ad affievolirsi.

Si entra e si esce dal Dojo inchi­nan­dosi: un segno di rispetto verso l’arte in ringrazi­a­mento per tutto ciò che di valido essa offre. Anti­ca­mente nel Dojo veniva ese­guito il rito del soji (pulizia): gli allievi, usando scope e stro­fi­nacci, puli­vano l’ambiente, las­cian­dolo in ordine per i suc­ces­sivi allena­menti. Tale gesto e» il sim­bolo della purifi­cazione del corpo e della mente: i prat­i­canti si preparano ad affrontare il mondo esterno con umiltà, dote nec­es­saria per appren­dere e per inseg­nare l’arte marziale.

.

  1. Entrando e uscendo dal Dojo , inchi­narsi in direzione della foto del mae­stro capo-​scuola, e dire “Osu” (pro­nun­ci­ato “Oss”), quindi girarsi in direzione degli altri stu­denti in palestra, inchi­narsi e ripetere “Osu”.

  2. Quando si entra in ritardo, e la lezione è già com­in­ci­ata, inginoc­chiarsi. Atten­dere con gli occhi chiusi in “Mokuso”. Quando l’insegnante vi riv­olge la parola , rima­nendo in seiza e inchi­nan­dosi, dite: “Oss, scusatemi per il ritardo” (in giap­ponese: Shitesurei shi­masu). Alzarsi e unirsi alla classe posizio­nan­dosi in fondo al gruppo.

  3. Quando vi è domandato di muovervi verso un pre­ciso punto del Dojo, muovetevi sem­pre il più velo­ce­mente possibile.

  4. Non prat­i­cate mai com­bat­ti­mento senza che sia pre­sente un istrut­tore. Quando prat­i­cate il com­bat­ti­mento con­tro una cin­tura nera, cer­cate di dare il meglio, mostrando rispetto per il suo grado. Se pen­sate di poter met­tere mag­gior forza e impegno nel com­bat­ti­mento, fatelo, ma ricor­date che il Sen­pai ha ben chiaro nella sua testa il vostro grado più basso, e quindi non com­bat­terà mai nel modo più duro.

  5. Non las­ci­ate mai il vostro posto senza il per­me­sso dell’insegnante. Mai cam­minare in mezzo ad una cop­pia che si sta eserci­tando, o di fronte all’insegnante men­tre tiene la lezione.

  6. Non sbadigli­ate, non par­late, non state appog­giati al muro o rimanete inat­tivi durante la lezione. Un vero karateka è sem­pre attento e ben edu­cato. L’aver rag­giunto un grado ele­vato non vi autor­izza ad avere un com­por­ta­mento rilas­sato nel Dojo. Questo include anche il las­ciare la palestra prima che il corso sia finito.

  7. Il vostro karate-​gi deve essere pulito e lavato ogni volta. La cin­tura va messa all’aria, ma mai lavata, dal momento che con­tiene, sim­boli­ca­mente, lo sforzo della vos­tra prat­ica.

  8. Ascoltate atten­ta­mente gli inseg­na­menti del mae­stro. Ricor­dat­evi che l’istruttore non vi chiederà mai di fare ciò che lui non abbia fatto prima. Rispon­dete ad ogni inseg­na­mento o cor­rezione con “Osu”.

  9. L’insegnante, chi­unque esso sia, deve essere trat­tato con lo stesso rispetto che voi vi aspet­ter­este dagli altri. Il Karate com­in­cia e finisce con la corte­sia. Se non potete trovare il modo di dimostrare rispetto ad una per­sona che vi dona il suo tempo inseg­nando, è meglio che non apparte­ni­ate a questo Dojo.

  10. Per motivi di igiene e sicurezza, non indos­sate gioielli, col­lane o brac­cialetti durante l’allenamento.
    Siate sem­pre attenti ad avere le unghie delle mani e dei piedi pulite e corte, ad avere il corpo e i piedi puliti.
    E’ d’obbligo lavarsi i piedi prima di entrare in palestra, durante l’allenamento si lavora spesso a stretto con­tatto con gli altri, nes­suno ama allenarsi con chi è sporco.
    Ricor­dat­evi inoltre che non è bene allenarsi con lo stom­aco pieno, evi­tate di man­giare a par­tire da un ora prima della lezione. Questa regola vale anche per il fumo.

  11. Prima di incom­in­ciare la prat­ica di una tec­nica a cop­pie, riv­ol­gersi al com­pagno con un inchino e dire: “Osu” (in questo caso abbre­vi­azione del più for­male “One­gaishi­masu”: per favore, pratichi­amo insieme). A fine prat­ica, sem­pre inchi­nan­dosi, dire: “Gra­zie” (in giap­ponese “Domo ari­gato goza­imashita” : Gra­zie per quello che hai fatto).

.

.

Chi non è in grado di accettare queste regole, che rap­p­re­sen­tano l’essenza della prat­ica,
non potrà fre­quentare il nos­tro Dojo fino a quando non le avrà com­p­rese e sarà dis­posto a seguirle.